Curare il disturbo ossessivo compulsivo

Il Disturbo Ossessivo Compulsivo (DOC) colpisce circa il 2-3% della popolazione generale ed è caratterizzato dalla presenza di ossessioni e compulsioni. Sebbene fosse stato in precedenza inserito nel capitolo più ampio dei disturbi d’ansia, oggi, con l’aggiornamento del Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali del 2013 (DSM-5), il DOC viene individuato come entità nosologica autonoma insieme ad altri disturbi ad esso correlati, quali ad esempio il disturbo da accumulo, la tricotillomania, i comportamenti ripetitivi focalizzati sul corpo e la gelosia ossessiva. Questa nuova classificazione è dovuta all’incremento sempre maggiore nella popolazione di questi disturbi tra loro correlati, tanto da meritarsi una categoria specifica.

Il Disturbo Ossessivo Compulsivo si caratterizza dalla presenza continua di ossessioni, cioè di pensieri, dubbi e immagini intrusive molto disturbanti, che riempiono la mente della persona, generando un forte disagio emotivo da impedire di vivere una vita normale.

L’individuo, nel tentativo di sopprimere pensieri e immagini dell’ossessione, attua compulsioni, ovvero comportamenti ripetitivi (lavarsi le mani, riordinare, controllare) o azioni mentali (pregare, contare, ripetere parole). Le compulsioni vengono messe in atto allo scopo di prevenire o ridurre l’ansia ed il disagio, o a prevenire alcuni eventi o situazioni temute e vengono applicate rigidamente (ad es. contare fino a 100 senza essere interrotti o lavarsi le mani 5 volte di seguito). Un aspetto peculiare è però dato dal fatto che i rituali non sono collegati in modo realistico con ciò che sono designati a neutralizzare o prevenire, oppure sono chiaramente eccessivi.

Affinché si possa parlare di un disturbo conclamato, le ossessioni e le compulsioni devono essere ricorrenti (ad esempio per più di un’ora al giorno) e causare disagio nel funzionamento sociale, lavorativo o in altre aree importanti.

 

Tipi di Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DOC)

Il DOC viene riconosciuto come disordine psichico serotoninergico, in quanto è stato dimostrato che nelle persone affette da tale disturbo vi è una disfunzione nella trasmissione della serotonina tra i neuroni cerebrali. L’esordio del Disturbo Ossessivo Compulsivo avviene solitamente prima dei 30 anni, manifestandosi con una sintomatologia molto eterogena. In base al tipo di ossessioni e compulsioni che si presentano è possibile individuare alcuni sottotipi principali:

  • Disturbo ossessivo compulsivo da controllo

In questo tipo di DOC la persona crede che una propria azione o omissione possa causare danno a sé o ad altri. Le ossessioni e le compulsioni possono riguardare sia la paura di poter perdere il controllo dei propri impulsi diventando aggressivi, perversi, autolesivi, blasfemi, sia il dubbio di aver dimenticato qualcosa o di aver danneggiato qualcosa o qualcuno inavvertitamente. Alcuni esempi riguardano il dubbio di aver chiuso la porta di casa, il gas o la portiera dell’auto, o di aver augurato il male ad altre persone.

  • Disturbo ossessivo compulsivo da contaminazione

In questo caso si tratta di ossessioni connesse al temere eccessivamente lo sporco, i germi o di venire infettati. La persona, in questo caso, è tormentata dall’idea di contaminare se stessa o i propri familiari entrando in contatto con germi, sostanze tossiche o semplicemente vedendo persone sporche e che provocano disgusto. Il contatto con la sostanza temuta o la semplice idea di essere venuti a contatto è seguito da rituali tesi a neutralizzare la contaminazione (ad esempio rituali di lavaggio ripetuto delle mani, dei vestiti o di oggetti personali).

  • Disturbo ossessivo compulsivo da ordine e simmetria

In questo caso la persona sente il bisogno di svolgere azioni e sistemare oggetti sempre nel “modo perfetto”. Qualsiasi oggetto deve essere sempre precisamente allineato oppure ordinato secondo una logica ben precisa: tali ossessioni non riguardano solo oggetti, ma anche il proprio corpo (ad es. pettinatura dei capelli, abiti).La percezione di disordine spesso porta la persona ad impegnarsi per lungo tempo, affinché le cose possano essere a posto, diminuendo la sensazione di malessere interiore.

  • Disturbo ossessivo compulsivo da superstizione eccessiva

In questo caso la persona mostra pensieri superstiziosi sproporzionati: l’esito di eventi specifici viene correlato all’attuazione di particolari gesti, alla visione o meno di particolari oggetti, così come al suono di determinati rumori. Nel caso in cui si dovessero verificare avvenimenti ritenuti negativi, la persona sente il bisogno di mettere in atto precise strategie per annullare un possibile effetto negativo (ad esempio, pronunciare una frase specifica per dieci volte dopo aver visto passare un gatto nero).

  • Ossessioni relative a pensieri tabù (ossessioni aggressive, sessuali, religiose)

La persona che soffre di questo sottotipo manifesta pensieri ossessivi riferiti al timore dell’avverarsi di situazioni poco probabili, spesso a contenuto sessuale e religioso. Alcuni esempi riguardano la paura di essere omosessuale o pedofilo: la persona prova un forte senso di stress, confusione e colpa in quanto pur sapendo qual è il proprio orientamento sessuale, non riesce a spiegarsi la persistenza dei propri dubbi. In questo caso, le compulsioni sono spesso rappresentate dal tentativo di annullare il pensiero, oppure dall’innescarsi di un dialogo interiore estremamente snervante, volto a cercare conferma di eventi comprovanti la propria “normalità”.

 

Trattamento del DOC

Le linee guida internazionali indicano l’integrazione fra terapia cognitivo-comportamentale e terapia farmacologica come il trattamento di elezione per il Disturbo Ossessivo Compulsivo.

  • Il trattamento psicoterapico cognitivo comportamentale si basa primariamente sulla Ristrutturazione Cognitiva ed Esposizione e Prevenzione della Risposta (ERP). La Ristrutturazione Cognitiva consiste nell’esaminare i pensieri disfunzionali che mantengono il disturbo, aiutando la persona modificare il modo di pensare errato. L’Esposizione e Prevenzione della Risposta si è dimostrata essere la tecnica comportamentale più efficace nel trattamento del DOC, mostrando alti livelli di efficacia. Dopo aver portato la persona a prendere consapevolezza dei propri schemi, verrà esposta gradualmente agli stimoli (esposizione) in assenza di rituali comportamentali (prevenzione della risposta). In questo modo la persona prenderà consapevolezza che nessun evento catastrofico avviene a seguito delle credenze originali, portando a diminuire il livello di ansia e agitazione.
  • Trattamenti farmacologici di elezione per il trattamento di questo disturbo sono gli Inibitori Selettivi del Reuptake della Serotonina (SSRI), ma in alternativa si possono usare anche la venlafaxina e la clomipramina.

 

Gli studi di efficacia condotti mostrano come anche chi è affetto da DOC anche da diversi anni può trarre giovamento da una psicoterapia cognitivo-comportamentale.

Se pensi di avere i sintomi del Disturbo Ossessivo Compulsivo o se hai bisogno di maggiori informazioni puoi metterti in contatto con un terapeuta dello Studio Psi.Co. di Cattolica.